VISITE

banner-home-004
  • Ortopedia

Tranne rari casi i cavalli sono utilizzati attualmente come soggetti sportivi, siano essi destinati all’equitazione di base o a competizioni di livello più o meno elevato. Per questo motivo la patologie ortopediche sono molto frequenti, sia come conseguenza di traumi acuti sia in seguito a sovraccarico di alcune strutture, spesso correlato a specifiche attività. Va ricordato che in molte discipline (corsa, reining) i cavalli vengono avviati all’attività agonistica in età molto giovane: la conseguenza si manifesta con delle patologie dello sviluppo, spesso favorite da predisposizioni ereditarie legate alla selezione. D’altro canto i cavalli, rispetto agli atleti umani, vengono mantenuti in attività in età avanzata per cui si possono frequentemente osservare patologie croniche e degenerative.

La rapida evoluzione nelle tecniche di diagnostica per immagini (radiologia digitale, ecografia, risonanza magnetica) permettono attualmente di individuare con maggior precisione le cause di zoppia, mentre sul piano terapeutico si è assistito negli ultimi anni allo sviluppo di nuove terapie innovative che stanno soppiantando tecniche ormai superate e spesso poco rispettose del welfare animale. Allo stesso tempo si sta diffondendo una maggiore consapevolezza dell’importanza della prevenzione e della gestione accurata del soggetto sportivo, soprattutto ad alti livelli. 

  • Consulenza per compravendita: si effettuano visite di compravendita sia in italia che all’estero, avvalendosi anche della collaborazione con diverse cliniche straniere.

 

  • Gastroenterologia: Diagnostica e terapia coliche ricorrenti tramite esami di laboratorio, ecografia addominale, biopsie intestinali e esofago-gastroendoscopie, assistenza 24H per le emergenze (coliche).

Fra le patologie gastroenteriche sicuramente la “colica” (o più propriamente dolore addominale acuto) è quella più temuta e rappresenta una delle principali emergenze nella pratica ippiatrica. In molti casi si tratta di patologie risolvibili con la semplice somministrazione di antidolorifici e/o antispastici, e spesso il primo intervento viene effettuato dal personale di scuderia. Si consiglia però di interpellare sempre il veterinario di fiducia prima di somministrare qualunque tipo di farmaco ad un cavallo in colica: sarà il veterinario stesso a valutare se procedere con una terapia in attesa del suo intervento e che farmaci utilizzare. Una terapia sbagliata o un’attesa eccessiva possono infatti mascherare alcuni sintomi e compromettere poi la successiva risoluzione della patologia, se non la vita stessa del soggetto. Una volta visitato il cavallo il medico veterinario sarà in grado di stabilire la causa della sintomatologia colica  e decidere se il caso può essere gestito con una terapia medica in scuderia o se è necessario il ricovero presso una struttura specializzata.

Meno frequenti ma spesso di difficile gestione le patologie gastroenteriche croniche, che si possono manifestare con episodi ricorrenti di dolore addominale, scarso appetito, dimagramento, diarrea o anche semplicemente calo delle performance sportive. Alcuni esempi possono essere le forme più o meno gravi di gastrite e le patologie infiltrative del piccolo e grosso intestino. In questi casi la diagnosi non è sempre semplice e spesso bisogna ricorrere ad esami di laboratorio specifici e a indagini diagnostiche più o meno invasive. Il trattamento può essere complesso e spesso è necessario associare una dieta specifica. 

  • Medicina interna

 

  • Reperibilità per urgenze: pronto intervento in campo per qualunque tipo di emergenza (coliche, ferite, fratture, etc), con possibilità di ricovero presso centri  specializzati in cui il personale è disponibile 24/24h sia per la terapia intensiva che per il trattamento chirurgico